mercoledì 30 dicembre 2009

poesie bimbi...

Vi lascio con delle poesie scritte da bambini di seconda elementare....


SE FOSSI ALBERO....


Se fossi albero scaverei il terreno per attacarmi meglio...J.P



Se fossi albero allungherei i miei rami e farei amicizia con il cielo! A.B



Se fossi albero avrei il corpo di legno ma la faccia da umano,

un picchio che mi fa sempre più tasche nei calzoni,
uno scoiattolo che mi fa il solletico.
Avrei delle uova da coccolare.
I miei calzoni non sarebbero di stoffa ma di legno.
G.R


Il Cielo:

Il vento mi spinge e mi culla, e mi solleva.
Io mi lascio sollevare, faccio il giro del cielo e poi torno nel mio letto
e sogno quello che è successo. G.R


Purtroppo non mi funziona lo scanner se no le avrei scannerizzate con la loro calligrafia....e soprattutto con i loro disegni... le credo comunque fantastiche mi emozionano sempre....che ne pensate voi? spero vi piacciano! baci

eternità

HA UN GIORNO SOLO LA FARFALLA, E VOLA, FORSE è QUESTA L'ETERNITA'!

G.QUARENGHI

martedì 29 dicembre 2009

trasloco....


Bruno è pronto....:D

lunedì 28 dicembre 2009

i "frisceu" o cuculli

Eccomi qui...su richiesta metto una ricetta genovese....i frisceu, o cuculli sono frittelle salate di cui io sono letteralmente drogata....!!!!! Più avanti vi darò un'altra ricetta semplicissima golosa e da provare di un'altra specialità!!!!!!!!!!!!(vi metterò magari anche le foto)ma finchè non mi sistemo non posso...intanto....vi lascio ricetta frisceu:
prendere qualche foglia di lattuga e un cipolla piccola e tagliarle con la mezza luna, nel mentre con farina (4 etti) acqua tiepida(se frizzante meglio)io vado a occhio aggiungendola piano, e mezzo cubetto di lievito di birra fatto scioglere in poca acqua calda amalgamare bene, il composto non deve rimanere denso ma molliccio e appiccicoso, (non liquido)aggiungere in seguito la lattuga e la cipolla tagliata...Lasciare più tempo possibile a lievitare...almeno 4 ore... dopo scaldare in pentola dell'olio di semi, quando è bollente con due cucchiai prendi l'impasto e fallo scivolare in pentola, vedrai che andrà prima sul fondo per poi tornare in superficie, a quel punto dovrebbe essere diventato gonfio, giralo e fallo colorire appena....servire poi caldo salandolo...e bon appetit! :D

trasloco

Caio a tutti! ho avuto poco tempo sono nel pieno delle pulizie e del traslocooooooooooooooooooooo ovviamente fai da te !!!! Per un pò poi non avrò internet e quindi non so se riuscirò a scrivere qualcosa....ma intanto sperando abbiate passato tutti un buon Natale e in attesa del nuovo anno...vi lascio con qualche video per farvi entrare nell'"atmosfera" che regna qui....a presto! buone giornate a tutti!





giovedì 24 dicembre 2009

un mito!

Con questo rituale genovese vi lascio anche un pezzo di filmato del mitico gilberto govi!

ricetta

la Cima!

Natale....ECCOCI!

E come ogni anno si ci prepara a festeggiare a casa dei miei il pranzo di Natale! E' belissimo l'arrivo di tutti parenti in una casa che mia madre nel mese di dicembre rende davvero unica e speciale!!! e non posso non rendervi partecipe dei suoi capolavori!
Il pranzo di NATALE dai miei vede come protagonisti : antipasto di salumi, ravioli con sugo di carne, torta di verdure (la pasqualina) , insalata russa, peperoni, carote.....e ..............................
LA CIMA! Qui sotto la spiegazione da wikipedia....:

La cima (a çimma in ligure) è un secondo piatto ligure. Consiste in un pezzo di carne di pancia di vitello tagliato in modo da formare una tasca e farcito di una quantità di ingredienti. Una volta preparata viene cucita a mano per evitare che la farcitura esca. Viene quindi bollita con verdure per alcune ore in un telo di lino e lasciata a riposo sotto un peso.

Gli ingredienti necessari sono: animella, cervella, testicoli, poppa, uova, aglio, funghi secchi, polpa di vitello, schienale, burro, pinoli, formaggio, maggiorana, piselli, spezie. I testicoli e la poppa possono essere sostituiti con carne di maiale. Uno degli elementi indispensabili per la vera riuscita di questo sostanzioso piatto è la 'pèrsa, ossia la maggiorana.

La cime era originariamente un piatto di recupero, reso gustoso e nutriente grazie al lungo lavoro delle massaie. Oggi si è trasformato in una ricca pietanza, gioia non solo per il palato ma anche per gli occhi: il variegato colore degli ingredienti rende particolarmente bella la fetta di cima, denominata localmente éuggio.

La preparazione della cima è complessa e delicata: esiste sempre il rischio che possa "scoppiare" in fase di cottura rendendo vano tutto il lavoro. Questa difficoltà rendeva l'attività quasi un rituale.

E come dice wiki...la cima da noi a Natale è davvero un rituale.....non può di certo mancare!!!

e poi ci sarà...il panettone, il pandoro, la frutta secca...... e tanta allegria , voglia di stare insieme, profumo di famiglia e di CASA!

E ora le decorazioni di mami e il presepe di papi....per trasmettere un pò anche a voi l'atmosfera che si respira in casa dei miei e che domani mi godrò a fondo.....

Tanti Auguri e Buona Magia a tutti!




gli elfi di Babbo Natale hanno fatto il bucato...:)






















E ultimo ma non ultimo...
LO SCHIACCIANOCI!

mercoledì 23 dicembre 2009

mare e monti....



direi che le foto parlano da sè.... :D

martedì 22 dicembre 2009

torta di spinaci.....natalizia!!! :D

allora pronti???????prima cosa...mettere a bollire gli spinaci (io compro quelli surgelati...più o meno un mezzo chilo) in acqua salata...farli bollire per un pò finchè non sono belli scongelati...




nel mentre far soffriggere della cipolla...



quando gli spinaci sono pronti....




scolarli e strizzarli bene...



dopo versarli in un piatto insieme a due uova e al parmigiano grattuggiato




amalgamare bene il tutto aggiungendo la cipolla...il sale non va aggiunto perchè è già nell'acqua di cottura con gli spinaci...



unire al tutto una confezione di panna da cucina...



versare poi il composto su rotolo di pasta brisè



e poi......con altra pasta brisè...via alla fantasia... e.......ualà....



cuocere la torta in forno a 180 gradi per una trentina di minuti....risultato finale....




e Bon Appetit ! :D

lunedì 21 dicembre 2009

MI FIDO DI TE...


E lui mi disse...."Perchè tu mi hai detto che l'amore esiste, che esistono cose stupende, vere e buone e che stare insieme è bellisimo....e io ci ho creduto....e mi sono lasciato andare a VIVERE tutto ciò che mi volevi far vivere e far conoscere,sentire,provare....mi sono fidato di te....E HO SCOPERTO L'AMORE...IO MI FIDO DI TE....FIDATI DI ME ANCHE TU ORA E PER SEMPRE..."
E lei rispose.." Sono TUA e MI FIDO di TE ORA e PER SEMPRE"











Tratto da....discorso di un amore infinito

passione country






immagini dalla Casa Country De Agostini.

trasloco in vista aiuto!!!


mamma miaaaaaaa trasloco sotto Natale?!?!?!?!
MA ce la faremo!!!!!!



Anche perchè non abbiamo molte alternative...:)
e non vediamo l'ora della nostra casetta anche se all'inizio saremo davvero due cuori, due gatti e una capanna :D



prima immagine presa su internet da sito:
http://blog.tostoini.it/?p=712

domenica 20 dicembre 2009

NEVE!



potrebbe rinevicare da queste parti... :D







Ps la foto con la neve che scende è di By EternityAndy presa su internet
Altro libro letto quest'estate che mi ha tenuto compagnia e è piaciuto ....
NON VI LASCERò ORFANI

La sopravvivenza dei figli ai genitori è vista in tutte le tradizioni come un fatto naturale. A maggior ragione quando la scomparsa del genitore non lascia un piccolo orfano ma un orfano adulto. Eppure il dolore dell'orfano adulto non è meno intenso. L'opera di Daria Bignardi scava in questo dolore, lo analizza, lo racconta. La morte della madre è, insieme, il momento della sofferenza e quello del confronto con la prima vita altrui con la quale si è venuti a contatto - e quindi con la propria stessa vita: l'infanzia dei ricordi, l'adolescenza dei contrasti, la giovinezza delle fughe, l'irreale maturità. La morte di una madre ci fa sentire parte di una storia di famiglia, di un mondo, di una genealogia, addirittura di un periodo storico. E di un racconto: il racconto di queste pagine nelle quali sarà, per chiunque, pur nell'assoluta singolarità della voce narrante, facilissimo riconoscersi.

UN BEL GIOCO!


http://www.flickr.com/photos/34273750@N06/sets/72157622447250526/show/

ecco qui un bel gioco che vorrei ! :D

torta al cioccolato!


Che dire! Come vi ho detto amo cucinare e ecco qui una mia torta....ora vi posto passo dopo passso

tre etti di farina(io uso quella che autolievita)
2 etti di zucchero
2 uova, separare il rosso dal bianco e montare a neve quest'ultimo(+ è montato + lievita)
sciogliere 150 grammi di burro e metterne un pò di quello insieme alla farina, allo zucchero e ai rossi d'uovo per iniziare a amalgamare gli ingredienti,

aggiungere poi piano piano il bianco dell'uovo e
un bicchiere di latte
ultimo aggiungere una busta di cacao, o del cioccolato fuso

imburrare teglia alta e mettere in forno a 170 gradi per una 40 minuti

...fare prova con stuzzicadenti....quando è asciutto la torta è cotta
spolverare sopra zucchero a velo o decorare a piacimento....buon appetito!