venerdì 30 aprile 2010

seta non violenta!

Eh si mi piace pensare che il mio abito da sposa oltre a finanziare progetti equo solidali...è stato anche realizzato con seta non violenta....si avete capito bene, si tratta di una seta che non ha ucciso i bachi. Un chiaro esempio di nonviolenza, questa seta non si ottiene bollendo i bozzoli dei bachi da seta, bensì si aspetta che questi abbiano completato la metamorfosi volando via sotto forma di farfalle; certo in questo modo il filo di seta (che normalmente può anche essere lungo fino a 300m.) si spezza creando un lavoro che soltanto la proverbiale pazienza delle donne indiane può eseguire, cioè rifilarlo. Non so per voi...ma per me ciò è una bella briciola! ;)

giovedì 29 aprile 2010

a te

A te una canzone che adoro...la nostra canzone...lui che qualche anno fa per il nostro annivarserio mi fece  trovare questa sorpresa...: visibile dalla finestra..... 



e ora una verione di "a te" per sorridere con il mitico checco zalone :) buone briciole!!!!

domenica 25 aprile 2010

un posto da sogno...

Ieri sera con carissimi amici siamo andati a mangiare in un agriturismo stupendo....non sono una che fa pubblicità gratuita alle cose....ma questo merita davvero un posto sul mio blog!
Mi sposassi a genova penso che lo avrei scelto per il ricevimento....abbiamo mangiato benissimo e tantissimo con vista mozzafiato...il tutto a solo 25 euro! vi lascio il link così ve ne fate un'idea!

http://www.agriturismolepale.it/it_Ristorante.asp

mercoledì 21 aprile 2010

bomboniere e partecipazioni...


Ecco qui le nostre bomboniere...conosciuti facendo volontariato non potevamo che scegliere delle bombonieri solidali...volevamo però qualcosa anche di allegro che non facesse subito pensare a qualcosa di triste...e qualcosa che potesse rappresentare le nostre idee e la nostra voglia di sognare, ridere e giocare.... e allora eccole qui.....Vanno a finanziare progetti di clownterapia...l'associazione si chiama theodora...! :) Io poi ho aggiunto i confetti e chiuso la scatolina con un nastrino....noi le adoriamo e siamo proprio contenti della nostra scelta!!! Ovviamente gli invitati saranno obbligati alla foto con il naso rosso...:P buone briciole!





e ecco le partecipazioni....anche queste ci piacciono molto!!!! ovviamente questa è la foto di un modello, i nomi non sono i nostri....


Che ne pensate???? buone briciole ancora!!!

martedì 20 aprile 2010

sfogoooooooooooooooooo

odio il circo!dopo aver visto oggi una tigre chiusa in una gabbia dimensione autobus, un elefante chiuso in un camion al buio con solo due buchi,cavalli idem...trasportati poi di qua e di là da una città all'altra....è questa per loro la savana?!vorrei rinchiudere Moira e i suoi amichetti in una cantina buttargli ogni tanto noccioline,farli trotterellare e buttare via la chiave!poi magari fa scalpore una tigre che aggredisce il "povero" addestratore...ma va a cagare Moira e company è una vergogna!
che tristezza!!!!!!!!!!!!!!!!

domenica 18 aprile 2010

torta ananas senza burro

Ecco la ricetta della torta all'ananas senza burro nell'impasto ma solo sulla teglia....Ricetta avuta da una mia carissima amica, una donna fantastica!!!! (Rosanna)
allora....
3 uova che mescolo...
aggiungo 2 etti di zucchero...
e 2 etti scarsi di farina...(io uso quella che autolievita) se non si usa quella va aggiunta anche una bustina di zucchero...

prendo barattolo ananas e, dopo aver imburrato e zuccherato il fondo della teglia, adagio su questo le fette di ananas...

dopo aggiungo nel composto di uova farina e zucchero, il succo che ho nel barattolo dell'ananas...
verso il tutto sulle fette di ananas disposte sul fondo della teglia...
inforno per una mezz'ora a 180 gradi...
faccio prova cottura con stuzzicadenti...(se asciutto è cotta)
tiro fuori la torta...una volta che si è raffreddata....la rovescio da avere le fette nella parte superiore della torta...fette che saranno contornate da una cremina di burro e zucchero...(consiglio di imburrare e zuccherare anche i lati della teglia prima di infornare..)
io la trovo deliziosa e leggera.... ecco qui le foto passo per passo.... baci

























mercoledì 14 aprile 2010

UNA BRICIOLA MOLTO IMPORTANTE

Oggi voglio parlarvi di Rosanna Benzi la donna che ha vissuto per 29 anni in un polmone d'acciaio, grazie a mio padre impegnato con lei nella fondazione dell'associazione Gli altri,associazione in vita tuttora ho avuto la mia immensa fortuna di conoscerla! Anche se ero piccola mi ricordo molto bene di lei, mi ricordo di quando andavo a farle visita in quella stanzina piccola dell'ospedale di San Martino, una stanzetta, piccola, calda, e colorata, piena di pupazzi...al centro della stanza Lei, dentro al polmone d'acciaio, quella macchina rumorosa che la teneva in vita, lei donna che si sentiva libera pur dipendendo da tutti, perfino dalla corrente elettrica! Ricordo che mi piaceva ascoltarla, e vedere spuntare da quella macchina, così grossa e dai colori grigi, il suo viso rotondo abbellito da fermagli nei capelli Ricordo il suo sorriso, e il suo essere sempre pronta a rispondere alle domande che noi bambini le ponevamo..."come fai a grattarti il naso?...e altre ancora...Ricordo che immaginavo il suo corpo che era nascosto li dentro, ne ero incuriosita,la vedevo come una donna uscita dalle favole, non una diversa ma una SPECIALE, lei che ha sempre lottato per i più deboli, lei che non ha mai smesso di amare la vita, lei affetta per l'appunto dal vizio di vivere!Ricordo persone che andavano da lei, si sedevano e le raccontavano i loro problemi senza tener conto che lei, forse ne aveva di più grandi! Ma lei ne era felice, questo avveniva perchè lei non metteva mai in soggezione anzi, e sembrava che non fosse lei a dipendere dagli altri ma il contrario! Una Rosanna che amava le piccole cose...l'acqua fresca al mattino, il sole, il mare, i gabbiani....
MA CHI ERA ROSANNA :
Amava la vita. Era allegra e ironica. Fino all'ultimo; fino a quando un male incurabile ha troncato la sua voglia di vivere. Rosanna Benzi, 43 anni non ancora compiuti, ventinove trascorsi in un polmone d'acciaio nella sua camera dell'ospedale San Martino di Genova, si è spenta il 4 febbraio; sofferente ma lucida, il sorriso sulle labbra, nonostante quest'ultima malattia che la consumava giorno per giorno.Rosanna Benzi, una donna «simbolo» delle battaglie contro l'emarginazione dei più deboli (anche se usare questo vocabolo, «simbolo», è già farle un torto perché può significare volerla inquadrare in una categoria). Certo, una testi­monianza di come si possa affrontare la vita con determinazione e coraggio, nonostante l'immo­bilità forzata, la dipendenza totale da una macchina per poter respirare, le pareti d'una stanza d'ospedale.Quel polmone d'acciaio dell'ospedale San Martino di Genova poteva essere considerato una «prigione» per tanti. Non per lei. Ha continuato a guardare il mondo intero attraverso uno spec­chio ed il mondo ha conosciuto il suo volto rifles­so in quello specchio, la sua determinazione nel voler affrontare sul serio i problemi, anche i più difficili (anche i temi «tabù», come il rapporto tra sessualità ed handicap, per fare un solo esempio). E' il 1962 quando la poliomielite la paralizza, provocando una grave insufficienza respiratoria. Rosanna ha tredici anni. Poco dopo entra nel polmone d'acciaio («il mio scaldabagno», diceva lei con ottimismo), per non uscirne più, se non in qualche rara occasione per partecipare a manifestazioni pubbliche. In ventinove anni, Rosanna Benzi ha saputo svolgere una attività intensissima a sostegno dei diritti degli handicappati. Si è innamorata ed è stata contraccambiata. Ha coltivato anche il desiderio di avere un figlio, per arrivare a con­cludere: «Ma averlo sarebbe stato un atto di egoismo, non d'amore. Un bambino ha bisogno di essere tenuto in braccio da sua madre».Poche settimane prima di morire ha rilasciato una intervista alla Rai: «Spero che il lavoro che ho iniziato vada avanti. Spero di lasciare di me l'immagine di una donna con pregi e difetti. Un po' matta, un po' ironica. Spero di non aver fatto brutte figure ...». La vogliamo ricordare così, al di là degli schemi che pretendono di catalogare la «diversità» e la «norma», invece di lasciar spazio alla originalità di ogni persona umana ed al valore d'ogni vita.
ROSANNA SI DESCRIVEVA COSÌ : con pregi e difetti, un po’ matta, con molta ironia di sé, che amava le cose semplici, e che ha cercato di non fare troppe brutte figure.
Io me la ricordo così...: UNA DONNA CHE ANCHE CHIUSA IN UNA MACCHINA SAPEVA VOLARE E FAR VOLARE GLI ALTRI!

martedì 13 aprile 2010

ODE ALLA CUCINA


Come avrete forse già notato adoro cucinare! E' una delle poche cose al mondo che riesco a fare anche se sono stanca, stravolta...mi rilassa e mi trasmette quella pace e calma interiore che poche altre cose sanno darmi...L'osservare i colori, i profumi che a uno a uno si mescolano...scoprire che certi ingredienti insieme si completano e danno forma a colori e profumi ancora più intensi, unici.
Mescolare, amalgamare con le mani gli ingredienti sentendoli cambiare consistenza tra le mani, osservare la loro cottura,ogni cosa ha i suoi tempi...e se si prova a barare per far sì che cuocia prima, il risultato non è mai ottimale...(mi piace questo rispettare i tempi... credo che sia importante e fondamentale per ogni cosa...anche per questo alla sera, anche se sono stanca morta, mi piace cucinare e aspettare che sia tutto pronto...il vedere cuocere le pietanze lentamente, mi ricorda di quanto abbiamo già corso tutto il giorno e di quanto invece sia bello rallentare, ottenendo risultati migliori.
Adoro sperimentare e inventare ricette nuove, come adoro il profumi inebrianti che danno un sapore e un calore in più alla casa...
Adoro il mio futuro marito che si avvicina, come un bimbo, per pucciare il dito nell'impasto di una torta...( ..." Ma amore io lo faccio per te, non vorrei mai non ti riuscisse bene...l'assaggio per dirti com'è no?!)
o quando pulisce con il pane tutti i fondi delle pentole...o quando, con la bocca ancora piena, chiede : " ce n'è ancora vero????"
Potrei andare avanti così per ore...meglio se mi fermo qui ...con un bel :
ODE ALLA CUCINA!!!!! BUONE BRICIOLE GUSTOSE A TUTTI!!!!

mercoledì 7 aprile 2010

la ninna nanna

Ho sempre trovato un'intimità e dolcezza assoluta nelle ninna nanne...la mia mamma mi cantava quella del chicco del caffè che adoro tuttora,mia nonna materna mi diceva invece le preghiere in genovese che risultavano poi, dette una dietro l'altra, come una canzoncina...e la mia nonna paterna ora lassù che mi guarda...mi cantava questa...
http://www.ilpaesedeibambinichesorridono.it/ninna_nanna_delle_dodici_mamme.htm
che trovavo dolcissima ma, non ricordandola tutta non sapevo del suo significato...trovato solo oggi...è una ninna nanna dei tempi della guerra...una ninna nanna che racconta la storia di dodici mamme, che prima pensavano alla nascita dei loro figli, poi i figli nascevano, crescevano, e poi purtroppo le mamme si ritrovano vecchie con i loro figli in guerra senza sapere se li avrebbero rivisti....sicuramente questa canzone era stata a sua volta cantata a mia nonna da piccola...non so perchè mi sia venuta in mente stasera...forse perchè oggi, giorno di rientro a pieno ritmo, mi ritrovo stasera stanca, felice ma stanca stanca...in attesa che il mio futuro marito arrivi, vogliosa di una coccola tenera e delicata come era la mia nonna, una persona davevro unica e speciale, saggia, elegante e delicata in ogni suo gesto, in ogni suo sussurro....forse è perchè mi sto avvicinando a uno dei giorni più importanti della mia vita e in un certo senso l'avrei voluta partecipe anche lei di questo mio momento, anche se io la sento sempre sempre vicina a me! in ogni caso aver trovato il testo integrale stasera è stata per me la coccola di cui avevo bisogno!
UNA BRICIOLA MOLTO SPECIALE!!! è bello pensare a quelle cose che vengono tramandate da famiglia in famiglia e che vivono per sempre....ora vado a nanna buone briciole!!!! bacini Marti

lunedì 5 aprile 2010

buon proposito...

Eccoci di ritorno.... dopo aver firmato le pubblicazioni il primo d'aprile in comune( e non è un pesce d'aprile :P) e aver trascorso 4 bellissimi giorni nel paese che a giugno ci vedrà sposi....eccoci al rientro con un buon proposito!
DA DOMANI DIETA!!!!
Dopo aver passato questi giorni all'ingrasso....è doveroso iniziare una dieta, ce lo siamo imposti sia io, che il mio futuro maritino (anche se con la cucina nuova mi piange il cuore....
:() Quindi da domani carboidrati solo a pranzo (necessariamente perchè mangiamo entrambi fuori, io a mensa con i bimbi e lui a lavoro) e la sera carboidrati banditi!!!
Suggerimenti di diete? devo entrare nell'abito a giugno la dieta è doverosa ahimè! :)

Ma oggi che la dieta non è ancora iniziata...salutiamo le ultime delizie concesse preparate or ora con la mia nuova cucina .... :P




buone briciole a tutti!