giovedì 28 aprile 2011

Polpettine gnam gnam


In preda alle voglie...oggi mi sono pappata le mie semplici polpettine...che trovo...anzi troviamo ( ;) ) squisitissime!!!!
La ricetta è semplicissimaaaaaaaaaaa....
Faccio bollire le patate in acqua salata, nel mentre cuocio della carne tritata in una padella con un pò di burro...
Una volta pronte le patate le schiaccio e unisco alla carne, aggiungendo un uovo e parmigiano grattuggiato. Formo poi delle polpettine che vado a impanare nel pan grattato e friggo o metto in forno...
Sono una bontà!!! E ottime anche da congelare, prima di averle fritte o messe nel forno...pronte per un altro pranzetto... :P
Provare per credere... :) buone briciole polpettose!!!

martedì 26 aprile 2011

Una favola....



Oggi vi posto una favola che ho letto a Pasqua alle mie nipotine e...ovviamente al mio amato sposo e fagottino :DDD
Ci è piaciuta moltissimo! Si intitola, IL SIGNOR TAZZINA di Maria Sole Macchia

Eccola...


C' era una volta una signora cicciona...» No! Così non va bene! Riproviamo. Ecco, sì: «C'era una volta un bambino con i capelli blu...» Uffa! Non va bene neanche così! Ecco: «C'era una volta un signore freddoloso...» Basta! Oggi non ho idee, non se ne fa niente. Forse è meglio se vado al cinema! Il disegnatore, assorto nei suoi cupi pensieri, uscì di casa sbattendo la porta. Lasciò sulla scrivania una gran confusione di fogli, penne, matite, colori e tante idee abbandonate.

Quando un colpo di vento entrò dalla finestra, gli schizzi volarono per tutta la stanza e poi planarono sul pavimento, piano piano. «Ehi! Che cos'è questa corrente? Qualcuno chiuda la finestra!» La vocina veniva da un tipo buffo, con un berretto in testa e una grossa sciarpa arancione avvolta attorno al collo. Un tipo buffo disegnato e colorato su uno dei tanti foglietti volanti. Il personaggio creato dal disegnatore era pronto ad affrontare l'avventura della sua vita. Ma non sapeva ancora qual era la storia che doveva interpretare... Sì, era un personaggio senza una storia. E senza un' altra cosa, anche. Se ne accorse subito, non appena si guardò allo specchio: gli mancava un orecchio! «Vuoi vedere» disse il personaggio «che quello sbadato di un disegnatore si è dimenticato di farmelo?» Ma poi, senza più pensare all' orecchio mancante, decise di esplorare la città che il disegnatore distratto aveva immaginato e poi disegnato e colorato. Il personaggio passeggiava per la strada. E si accorse subito che tutti lo osservavano in modo strano. Cercò di far finta di niente. Ma la gente parlottava e lo indicava, lo indicava e parlottava.

E lui si sentì sprofondare. Sarebbe sparito, se solo avesse potuto. Ma non poteva. Era la sua storia. Alla fine ci fu qualcuno che alzò la voce per dire quello che pensavano tutti. «Guarda, mamma!» urlò un bambino. «Quell'uomo è una tazzina!» Tutti puntarono gli occhi sul personaggio, anche quei pochi che non si erano ancora accorti di niente. Poi puntarono anche le dita. «Ah ah ah, è vero, ha la testa come una tazzina! Ma è un marziano?» E un uomo molto dotto, forse un dottore, aggiunse: «Un rarissimo caso di deficienza auricolare!» Deriso e umiliato, il signor Tazzina (d'ora in poi lo chiameremo così) tornò a casa di corsa. Voleva nascondersi. Solo e triste, rifletté sul suo destino bizzarro davanti a una tazza di latte. Si affacciò alla finestra mogio mogio e guardò le persone che passavano per la strada. A loro non mancava proprio niente. Però a guardare bene, erano un pò strane... Il signor Tazzina decise di analizzare con cura la situazione. Quel tipo coi capelli in su, non sembrava una forchetta? E quella lì col mento in fuori e l'aria burbera era senz' ombra di dubbio un autentico bricco. E quell' altra signora con il collo lunghissimo, beh, era proprio identica a un cucchiaino.

In quel momento un urlo terribile echeggiò per la strada. «Aaaah! L'orecchio! Non ti ho fatto l'orecchio!» Era il disegnatore, che era tornato a casa e rovistando tra i disegni aveva trovato il personaggio. «Era ora di svegliarsi! Sempre con la testa per aria, voi che fate i disegni! Bello scherzo mi hai fatto!» disse il signor Tazzina. «Adesso mi chiamano tutti Tazzina!» «Scusa, scusa, hai ragione! Te lo disegno subito, l'orecchio. Aspetta, faccio in un attimo!» disse il disegnatore. «Fermo lì!» intimò il Tazzina. «Ormai il guaio è fatto, è troppo tardi per rimediare. E poi, guarda, quasi quasi comincio a piacermi anche così.» Il signor Tazzina aveva proprio ragione. Ormai era diventato famoso, e proprio per quell' orecchio mancante.

La gente gli si era affezionata perché era così originale. Il signor Tazzina pensò che poteva approfittare della sua fama per inventarsi un lavoro, e proprio il lavoro che gli piaceva di più. Che lavoro può fare uno che si chiama Tazzina, se non aprire un caffè? E fu proprio quello che fece. Con un' attrazione come lui al banco, il caffè era sempre affollato, a tutte le ore: per la colazione, all' ora di pranzo, per il tè, per l'aperitivo. In breve tempo il caffè del Tazzina diventò un posto molto alla moda. E qualcuno cominciò a portare certi strani berretti tutti ben calzati, per nascondere un orecchio... in perfetto stile Tazzina .

lunedì 18 aprile 2011

Ieri sera....




La luna di ieri sera....e le nostre 30 settimane! ;)
Direi che in fatto di rotondità la mia panza se la gioca con la luna...;P

sabato 16 aprile 2011

Oggi.........






Giornata di relax con il mio sposo.........e il nostro "Fago", bellissima giornata sulle alture della mia città :)

giovedì 14 aprile 2011

un post veloce ma importante!


Un post...per dirvi che sono davvero innamoratissima! Che questa gravidanza, oltre a essere un dono speciale, unico e prezioso, un qualcosa di indescrivibile, mi ha dato la possibilità, in questi mesi, che mi hanno vista in preda agli ormoni, ai cambiamenti, a gioie e preoccupazioni inevitabili, di accorgermi ancora una volta di che uomo ho a fianco!
Sposo mio...ti amo immensamente, amo questo uomo che non mi fa sentire sola, nonostante il lavoro e il calcio lo portino spesso lontano, quest'uomo che mi appoggia e mi è vicino sempre, amo la sua intelligenza, il suo sapermi sempre tranquillizzare, il suo far sembrare risolvibile ogni problema, i suoi abbracci forti,il suo sorriso, il suo sguardo, il suo prendermi per mano facendomi sempre sentire in un porto sicuro.
In questi mesi che mi vedono strafelice ma che mi portano a volte a sentirmi responsabile o in un qual modo sotto esame, si sotto esame, perchè il nostro amore è nella mia pancia...e io lo starò accudendo bene? Sarò una brava mamma?.....e Tu sei li a non farmi sentire mai la sola responsabile, mi rassicuri sempre e sei sempre con me! Grazie amore per il tuo esserci, per come sei, e per il nostro noi! Ti amo infinitamente! La tua felice sposa!

mercoledì 13 aprile 2011

Insieme...



Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno.

Insegnerai a Vivere, ma non vivranno la Tua Vita.

Ma in ogni Volo, in ogni Sogno e in ogni Vita,

rimarrà per sempre l’impronta dell’ insegnamento ricevuto.

Madre Teresa di Calcutta

Dalla tua bisnonna...

Che belloooooo è arrivato un regalo inaspettato dalla tua bisnonna! Nonchè...mia mitica.......... nonna! eccolo qui....


Coccoloso e tenerissimoooo grazie Nonna mia!!!!! :))))))))))))))))))

Ah ieri abbiamo fatto l'eco di accrescimento...e come sempre un'emozione!!!! Mi ha accompagnata per la prima volta la mia mamma... Così ora anche la nonna ti ha visto....:)))
Va tutto bene, :))) è cresciuto un sacco...si vedevano bene le ditina dei piediniii, che teneriiiii e ovviamente si è rimesso in posa a mostrare gli attributiiii!!!! Tranquillo lo abbiamo capito che sei un maschietto :)))) Dite che si è messo in posa perchè mi ha sentito dire a mia madre di fare per sicurezza anche un coprifasce rosa?!? Era solo per sicurezza......visto l'alta e magnifica produzione azzurra.............ma okkkkkkkkkk niente rosa!!!! tranquillo! :P un bacione a tutti!!!!!!!!!!!!

venerdì 8 aprile 2011

Leggende per appanzate....Cicogna e cavoli :)




Perchè si associa la nascita di un bimbo con l'arrivo della cicogna? Perchè proprio la cicogna?

La tradizione della cicogna che porta i neonati deriva da tempi nei quali l'uomo viveva una vita semplice, a contatto con la natura, e la cicogna era un uccello molto diffuso che era solito fare il suo nido sopra i tetti delle abitazioni.
La cicogna, per il suo nido, preferiva i comignoli da dove saliva il calore del riscaldamento, che, essendo molto costoso, veniva accesso solo in rare occasioni, fra le quali la nascita di un nonato.
Visto che l'osservazione popolare aveva notato che la cicogna sceglieva sempre case dove era nato un bimbo da poco, ha fatto sì che associasse la cicogna alla nascita di un bambino e che fosse proprio questo uccello a portarli.
In realtà era semplicemente il calore del tetto ad attirarle, ma la fantasia popolare ha "romanzato" la realtà costruendo questa storia, tra l'altro bellissima.

Bella storia anche quella che riguarda i cavoli. Per secoli nelle regioni dell'Europa Centrale il cavolo è stato l'unico alimento che, durante i mesi invernali, garantiva una quantità sufficiente di vitamine e minerali.
Simbolo di vita e di fecondità veniva seminato in marzo e raccolto dopo 9 mesi in novembre, come accade con la gestazione dei bambini.
A quei tempi infatti i concepimenti avvenivano principalmente in primavera e le nascite nell'autunno successivo. La ragione era semplice: i matrimoni si celebravano nei mesi invernali quando non si doveva lavorare nei campi e la nascita di un figlio si decideva in primavera perchè solo allora il contadino sapeva se i raccolti dell'annata avrebbero garantito un reddito sufficiente a mantenere la famiglia.
La piantagione e la raccolta dei cavoli erano compito esclusivo della donna, che spingeva ogni piantina nel terreno aiutandosi con un punteruolo di legno. Le ragazze affacendate in questo compito si divertivano a chiedere ai giovanotti "Sapete come nascono i bambini?"
Le raccoglitrici erano chiamate levatrici (come le donne che aiutavano nel parto) perchè il loro compito era di tagliare il cordone ombelicale che legava il cavolo alla terra.


Fonti : http://www.pianetamamma.it/gravidanza/gravidanza-curiosita/bambini-cavoli-e-cicogne.html

giovedì 7 aprile 2011

Il sole dopo la pioggia...


Si perchè devo essere giusta e sincera nel dirvi che ieri la suocera si è fatta più che perdonare, facendomi passare una bella giornata! Mi telefona alle 11, e mi chiede di vederci, li per li, non me la sentivo molto, ero un pò stanca per non aver dormito granchè...ma visto il sole e il clima primaverile mi sono detta : "...ma si dai....".
E così ci siamo incontrate e........ abbiamo fatto una sorpresa al mio amato sposo!!!!! Si siamo andati sotto il suo ufficio...arrivando, neanche farlo apposta, proprio mentre lui stava uscendo con i colleghi per andare a mensa e mi stava telefonando....Era felicissimo di vederci!!!! Non se lo aspettava proprio, anche perchè prima sua madre lo aveva chiamato per salutarlo, tanto per assicurarsi non fosse ancora andato a mangiare, e io anche lo avevo sentito facendo finta di niente!!! Si devo dire che la sorpresa è uscita alla grande!!!! Mia suocera poi ci ha offerto il pranzo...e dopo ci siamo andati a sedere su delle panchine vicino a un prato al sole...è stato davvero bello! Fago scalciava contento tutti eravamo con un bel sorriso in volto! :)))) Dopo il mio amato è tornato a lavoro e io con mia suocera ci siamo fatti un mega giro in un centro commerciale....E li mi sono fatta viziare...Mia suocera ci ha regalato una tutina, che ci piaceva, da mettere alla nascita e delle calzine...Sono felice perchè i vestitini che avrà alla nascita in questo modo saranno entrambi delle nonne...visto che Fago indosserà anche i bellissimi coprifasce che ha prodotto la mia mami!!!!! Poi nel tardo pomeriggio stanche ci siamo prese un gelato e abbiamo aspettato che uscisse da lavoro il mio sposo, abbiamo salutato mia suocera, con la quale davvero ho passato un bel pomeriggio, allegro, spensierato e nella quale io e Fago siamo stati viziatissimi, e sono andata a vedere lo sposo allenarsi a calcio...Ero sfinita ma ne è valsa la pena è stata proprio una bella giornata!!! Buone briciole!!!!!

lunedì 4 aprile 2011

Come su vostro consiglio.......Ecco a voi..........La parete della cameretta!!!!!!!!

Buongiornoooooo! Ho seguito il vostro consiglioooooo e con l'aiuto della mia mami...nonchè futura nonna....ieri abbiamo passato un bellissimo pomeriggio in compagnia di pennelli e colori e.......... ecco i risultati!










Che ne pensate?!?
Ieri sera poi siamo andati, io e il mio amato, a cena dalla suocera ( che come da post scritto gioni fa...ha di nuovo salutato prima, se non solo, la pancia)...che si è rilevata suocera suocera....:((( Se da una parte devo dire che mi ha viziato con i suoi manicaretti, davvero buonissimi, che vedevano una scelta attenta per le cose che preferisco mangiare...dall'altra è stata decisamente una Suocera! Perchè? il mio amato, orgoglioso di me e felicissimo per la cameretta e i disegni...ha insistito affinchè ci portassimo dietro la macchina fotografica, per farle vedere i risultati dei disegni colorati....la sua reazione?!?!?!
Suocera:" Ma sono così grandi?!?!?! pensavo fossero piccolini!"
Io tutta orgogliosa...: "e no, hai visto? prendono tutta la parete!"
Suocera :" Povero bambinoooooo sai che trauma?!??!?! bisogna metterci assolutamente un telo davanti!!! Bisogna Coprirli! Se no sai che trauma nel guardare figure così grandi? Solo e forse, a tre anni li troverà carini...ma prima....va be dai li coprite con un telo..."
Io non volevo crederci...anche il mio amato, suo adorato figlio...non si aspettava quelle parole e le ha risposto a tema...dicendole che non era stata carina a dire così, e che secondo lui, il nostro Fago invece apprezzerà molto e si ricorderà per sempre dei suoi disegni nella cameretta, fatti con amore dalla sua mamma con l'aiuto della nonna materna! E che saranno i suoi compagni di stanza...
Io mi sono limitata a dire...: "Hai fatto proprio la suocera!" (si si mi è uscito proprio...) e poi ho aggiunto...."scusa allora dovrebbero chiudere tutti i nidi!!! Visto che gli asili nidi sono pieni di disegni e i bimbi ci vanno già da tre mesi...."
Suocera : Mio nipote al nido non ci andrà!
Io : (e lì... avevo il potere...) "Bè io invece credo che ci andrà...non sono assolutamente contraria, e quando riprenderò il lavoro mi sembra un'ottima idea per farlo anche interagire con altri bimbi ....(ovviamente più riuscirò a stare a casa con lui meglio sarà...però...) e in ogni caso, poi saremo io e Simo a decidere!!!!!!!"
E li la suocera zittita, cambiò discorso, rimettendosi a parlare di sè e dei vari aiuti che voleva, per fare una ristrutturazione in casa, da parte di mio marito....
Che serata!
Premetto che mi reputo abbastanza fortunata per la suocera che ho...vedendo le suocere che ci sono in giro...Reputo anche di essere molto affezionata a lei però...certe usciteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee! E mi sa che con Fago in arrivo...questo è solo l'inizio......
Siete con me?!?!? un bacioneeeeeeeee

partecipooo!!!!

Bismama's giveaway

venerdì 1 aprile 2011

Un anno fa....


Un anno fa....le firme in comune per le pubblicazioni......è già passato un anno....e a giugno, a un anno dal nostro matrimonio arriverà "Fago" il frutto del nostro amore.....il nostro amore che diventa visibile....quante emozioni, quanto amore....sono davvero Felice!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Piena d'amore!!!!!!!!!
Buone briciole!