venerdì 29 novembre 2013

amo...

Amo fare la gara a chi vede per primo il sole sui palazzi che si svegliano...
Amo perdermi nel tuo profumo di latte e di te...mentre ti mordicchio la ciccia ;P
amo le tue manine che mi prendono il volto
i tuoi sorrisi
i tuoi discorsi
le tue capriole
i tuoi desideri
il tuo alzare il sopracciglio da conquistatore quando mi guardi...
il vederti giocare, ballare,cantare
amo sentire la parola mamma
i baci,gli abbracci
il perderci nelle favole
lo sporcarsi con i pennelli a vicenda durante le nostre creazione ...
ridere, sognare, amare
amo ...." Insieme ", "noi"
trovare la tua mano
il tuo sguardo, il tuo sostegno
sentirmi avvolta e protetta da te
preparare il Natale con voi
sentirmi piena e amata
sentirmi viva anche e soprattutto grazie a voi uomini miei <3 p="">
e intanto ci prepariamo....

lunedì 18 novembre 2013

o che bel castello .......

Su richiesta del cavaliere di casa....e con la complicità dei rotoli di cartaigienica che si stavano inzuppando sul poggiolo a  causa della pioggia e del bidone aperto dal vento della carta... abbiamo creato il nostro castello! ;P molto semplice....ritagliato insieme....e....vi ricordate il mostro cacca pupù?!?! è diventato il primo inquilino del castello insieme ai suoi fratelli.... ;P lo avete visto?!?!
Il castello è stato preparato in fretta (oggi la pazienza è in ferie...se la vedete ce la mandate?!?!) poteva venire decisamente meglio ma...sua maestà è contenta quindi... ;PPP

e stasera....si racconteranno fiabe di cavalieri,principi e principesse, castelli e maghi...al buio con solo il castello illuninato da una torcia ... ;P 




lunedì 4 novembre 2013

Non si può e non si deve dimenticare!



Non si può e non si deve dimenticare! Tommaso aveva 4 mesi e mezzo...siamo stati ore senza luce, telefono....fuori alternarsi di urla sirene e protezione civile al megafono a un silenzio assordante... il mio controllare nel primo tempo il pezzettino di bisagno visibile dalla mia finestra quando a un tratto...la bomba d'acqua è arrivata da dietro e giù nella strada sottocasa...il mio spiegare allo sposo la situazione sentendomi dare della esagerata fifona, come al solito perchè da lui a sampierdarena piovigginava....attimi di panico al buio con il mio bimbo senza riuscire a parlare con lo sposo che stava tornando a casa e non mi aveva creduto...e nel sottofondo quelle sirene e urla ".tutti in casa.....!!!!" il non poter far nulla se non attendere, sperare pregare... e il giorno dopo collaborare alla rinascita.....