venerdì 11 gennaio 2013

ciao TETTA ciao....

Il 9 gennaio ci siamo svegliati tutti molto presto, lo sposo è uscito per andare  a lavoro e io ancora assonnata, ho preso Tommi sveglio e l ' ho portato con me nel lettone, sperando potesse riaddormentarsi un pò...
Si è attaccato al mio seno e ha iniziato a ciucciare e con una mano a giocare come sempre con il capezzolo... Potrebbe sembrare una volta come le altre  invece non lo è stata... Ho iniziato a provare fastidio al gioco di Tommi con il mio capezzolo dolorante per la mia nuova gravidanza, ho iniziato a pensare a come quel gesto d'amore da me stra adorato, quel gesto intimo e stupendo, stesse cambiando "forma" nell'ultimo periodo.... Mille dubbi e domande hanno iniziato a assalirmi e qualcosa in me è scattato e mi ha fatto dire stop...(io che non immaginavo proprio sarebbe mai arrivato un mio stop ma piuttosto uno stop di Tommi...ero in preda quasi al panico davanti a questo mio desiderio più o meno inconscio ).
Ho deciso allora che era l 'ora  della colazione, tutti in piedi...
Dopo aver fatto colazione, giocato a piu non posso...Tommi mi si è riavvicinato cercando la tetta...e li, con tutta la mia possibile sincerità, gli ho spiegato che dovevamo slautarla, che ormai lui era grande e che aveva bevuto tutto tutto il latte della mamma e non ce ne era più...Gli ho detto che sapevo che non sarebbe stato facile ma che insieme ce l'avremmo fatta, gli ho detto che mamma iniziava a avere bua ai capezzoli, (ho cercato di fargli un discorso inparte forse anche da grandi ma totalemnte sincero) e che iniseme avremmo potuto fare altre mille cose, e che soprattutto....le coccole, gli abbracci e l'amore della mamma, al contrario del latte non sarebbe MAI MAI MAI FINITO!!! Tra gli ormoni della gravidanza, i sensi di colpa, i mille dubbi, la paura di non aver scelto il momento giusto, la paura che Tommi non fosse ancora pronto mi tormentavano all'infinito e un pò lo fanno ancora....
Tommaso però ha saputo, come spesso ormai accade sorprendermi incredibilmente....e in questi giorni sembra aver accettato bene la cosa,certo i capricci per il momento che chiamavamo "mamma tetta nanna" per il riposino pomeridiano ci sono....ma sono solo capricci e spesso svaniscono in fretta....  Adoro il mio bimbo che sa sorprendermi e aiutarmi così.... Sicuramente aver diminuito negli ultimi mesi le ciucciate ha aiutato...ormai era dall'estate (a causa o grazie anche alla mia convalescenza per ustione alla mano) che Tommi la sera si addormentava sempre senza...e di giorno, escludendo possibili momenti consolatori....ciucciava più un due volte....
Non so se un giorno mi pentirò di questa scelta, io che pensavo avrei allattato in tandem i miei due cuccioli, che aspettavo il giorno dello stop suo e non mio....io che però dovevo riuscire a essere sincera con me stessa... Non erano più i momenti di prima, i crampetti che ogni tanto mi venivano e mi facevano sentire in colpa nei confronti di polpetta, il male ai capezzoli, il desiderio di attaccarlo più per farlo addormentare e poter riposare che per un nostro "momento"..... Non potevo più nascondere tutto ciò...Avrebbe fatto male a tutti... anche a "polpetta" da dentro di me.......Non so se con la nascita di polpetta, sarò fortunata come con Tommi e non avrò ragadi ai seni, ma il pensiero che, se avessi avuto dolore avrei dovuto per forza dire basta a Tommi, continuando a allattare polpetta, mi terrorizzava, sapevo che in tal caso Tommi ne avrebbe per forza sofferto e avrebbe potuto non capire...Quindi il momento dello stop era inevitabilmente arrivato....Forse era anche la paura che Tommi amasse più me come mamma "mucca" che come mamma e stop a frenarmi...ma se è possibile in questi giorni si è dimostrato ancora più coccolone e attaccato a me (che già lo è tantissimissimo e io come potete ben capire gongolo di ciò che è un piacereeee ;P) .... rendendomi tutto più facile, come sentisse il mio bisogno di affetto e rassicurazione da parte sua....(inutile negare la mia commozione) Sono fiera e orgogliosa di lui del nostro rapporto, non potrei desiderare di più!
E così inizia un nuovo cammino...Averlo allattato a richiesta per questi 18 mesi è stato magico, stupendo e rimarrà per sempre una cosa nostra e solo nostra, un ricordo indelebile,una ricchezza che vivrà sempre in me, in noi....E ora...nuove avventure ancora ci attendono da vivere insieme!   E io piena d'amore sono pronta a viverle con i miei uomini che adoro e mi riempiono  d'amore!

Ps...inutile dirvi di come lo sposo mi sia stato vicino in questa scelta....da lui forse voluta da tempo...ma che silenziosamente ha saputo attendere che arrivasse da me.

6 commenti:

  1. io invece l'ho staccato che aveva 9 mesi perchè non avevo più latte!!! che fortuna che l'ha presa benissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Allattare il proprio figlio è un bellissimo atto di amore che rafforza quel legame imprescindibile complimenti per la foto

    RispondiElimina
  3. anch'io allatto ancora Emma (17 mesi il 19 gennaio), e ho letto con le lacrime agli occhi perchè arriverà anche per noi questo momento...ma ora mi godo ancora questi momenti solo nostri...bravissima! e bravisismo Tommi! ps: stupendi in questa foto!

    RispondiElimina
  4. Comprendo ogni parola... e mi commuovo. Penso che sia così che debba accadere. Si comprende che "quel" giorno è arrivato... il tuo corpo te l'ha fatto capire... hai fatto sicuramente la scelta giusta. Un bacione!

    RispondiElimina
  5. grazie ragazze vi voglio bene!!! e so che mi capite !!! un abbraccione

    RispondiElimina
  6. Ti capisco... Ho allattato mia figlia per 30 mesi.
    Poi ho colto l'occasione di un fastidioso mughetto (in bocca a lei) per dire basta.
    Pensavo che avremmo smesso in modo "naturale", invece io ero stanca.
    E lei? Che si era addormentata al seno fino alla sera prima?
    Serafica con un libretto e un pupazzo.

    RispondiElimina